News

DJI Spark: selfie aeree in 4k e gare in FPV?

Un nuovo mini drone DJI sta per arrivare.

È il momento DJI sta per annunciare un nuovo drone ancora più piccolo e compatto del Mavic Pro. Potrebbe chiamarsi Spark (Se volete saperne di più sul DJI Spark, cliccate qui per la nostra recensione!), le foto di questo piccolo quadricottero sono comparse da due settimane su diversi siti, anche se per adesso DJI non ha confermato e nemmeno annunciato l’uscita imminente di un nuovo drone.

Da quello che sappiamo per adesso DJI Spark è più piccolo del Mavic Pro in modalità volo, ovvero con le braccia e le eliche dispiegate. Al contrario del Mavic, Spark ha i quattro bracci fissi ma gli stessi motori brushless, solo più piccoli. Dalle foto sembra che sotto il drone ci siano dei sensori, probabilmente i sensori dediti al posizionamento indoor. Inoltre sembra esserci altri un pannello frontale vicino alla camera, magari ospiterà i sensori per l’evitamento degli ostacoli frontali? Non ci stupirebbe se il piccolo Spark avesse le stesse capacità di evitare gli ostacoli che troviamo sul Mavic, la DJI ci ha abituato alla miniaturizzazione delle sue tecnologie di punta.

drone dji spark bianco

Il gimbal su cui è montata la camera sembra diverso da quello che troviamo sul Mavic. Le immagini e i video dello Spark ci danno l’impressione di una camera capace di muoversi solo in verticale, per spostamenti laterali quindi dovremo ruotare il drone con l’intera ottica.

Su praticamente ogni forum di droni fioccano le speculazioni su quale tipo di mercato la DJI stia puntando con questo modello. Molti quelli convinti che sarà principalmente un drone da selfie nonché un drone molto silenzioso, altri seguono la teoria di un drone da corsa, anche se entrambe sembrano possibili per noi il nuovo Spark potrebbe essere un drone che attirerà diversi target, un drone per tutti, ma soprattutto per i meno esperti e per chi non ha mai volato con un drone. Se DJI avesse incorporato e implementato i controlli gesture, Spark potrebbe essere il drone perfetto per selfie aeree. Oppure se Spark fosse compatibile con il visore FPV che DJI sta per rilasciare potrebbe attirare l’attenzione di chi cerca un’esperienza di corsa con drone in FPV senza rinunciare a tutte le comodità e l’affidabilità di un drone DJI.

dji spark anteprima sensori

Il fatto che comunque sia ci troviamo davanti a un prototipo della casa cinese è ovvio dal design, molte forme delle componenti ricordano il Mavic Pro, come la scocca superiore e la batteria. Dalle immagini dell’alloggiamento della batteria vediamo quattro punti di contatto forse necessari per la ricarica veloce tramite un dock o una piattaforma di atterraggio.

Se le immagini e i video del presunto nuovo drone DJI si sono moltiplicate in rete, lo stesso non si può dire del controller che ad oggi rimane segreto. Questo ci fa pensare che DJI stia tenendo quella componente secretata oppure il nuovo Spark sarà controllato unicamente tramite smartphone con l’app DJI GO.

Dall’uscita del primo modello di Phantom pochi anni fa, DJI ha rapidamente espanso il portafoglio prodotti andando a coprire diversi mercati e non solo in ambito droni ma anche steadycam con il la camera stabilizzata OSMO, facendo concorrenza direttamente a GoPro e GoPro Grip.

Con l’Inspire 1 i professionisti hanno una piattaforma sicura e flessibile dalle molteplici funzionalità, mentre il Phantom 4 Pro unisce dimensioni medie a professionalità e controllo. Il Mavic Pro è per adesso il drone più piccolo, portatile e sorprendente rilasciato da DJI con praticamente le stesse funzione del Phantom 4 in un design ripiegabile che ha letteralmente fatto impallidire i concorrenti come GoPro Karma e Yunneec Typhoon.

Se lo Spark venisse rilasciato in una fascia di prezzo tra i 400 e i 700 euro potrebbe andare a catturare un nuovo mercato di persone interessate ai droni e alle foto aeree, andando a fare concorrenza diretta al Yuneec Breeze e al Zero Tech Dobby.

Ovviamente tutte queste sono solo supposizioni e nulla rimane certo fino alla conferma da parte di DJI, ma il fatto abbastanza chiaro è che siamo alla vigilia della presentazione di un nuovo piccolo drone. Non ci resta quindi che aspettare e immaginare, raccogliamo quindi qui di seguito tutte le informazioni e specifiche non confermate che girano online sul presunto nuovo drone… Spark.

dji spark smontato interno

Le 20 voci non confermate su DJI Spark che girano in rete.

  1. Le dimensioni dal drone sono 130mm x 150mm che significa una diagonale di 20 centimetri circa.
  2. Potrà essere ricaricato con cavetto USB oppure USB-C.
  3. Dai connettori presenti sulla batteria non si esclude la possibilità di ricarica tramite stazione magnetica come l’Apple Watch.
  4. Avrà gli stessi sensori di evitamento degli ostacoli presenti sul Phantom 4.
  5. Potrà essere controllato sia da App sia dal radiocomando dedicato, esattamente come il Mavic Pro.
  6. Avrà la stessa tecnologia GPS + Glonass del Mavic
  7. Avrà gli stessi sensori sulla pancia (Downward vision system) del Mavic Pro.
  8. Sarà dotato di gimbal a due assi.
  9. Sarà compatibile con i DJI goggles per il volo in FPV.
  10. Spark avrà lo Sport Mode attivabile solo quando controllato dal radiocomando e non dalla App.
  11. Le eliche di Spark saranno da 12 centimetri e ripiegabili
  12. Il telaio del drone è realizzato in un polimero plastico particolarmente resistente.
  13. L‘ottica frontale avrà due camere, come l’iPhone 7, ecco perchè dalle immagini sembra avere una forma ovale.
  14. Il principale rivale di Spark sarà il Breeze di Yuneec.
  15. Potrebbe essere dotato di Active Track.
  16. Potrà filmare in 4k e fotografare a 12 MP.
  17. La durata di volo permessa dalla batteria sarà circa 15 minuti.
  18. Il drone sarà dotato di Gesture Control.
  19. Spark sarà annunciato poco prima dell’estate 2017.
  20. Potrebbero essere rilasciate due versioni, una da 600 € con tre batterie e radiocomando, e una da 450 € per solo il drone.

Tags:

Facci sapere cosa ne pensi!

      Lascia un commento

      DroniAmo.it